Fine Corso a Ispinigoli, la parola ai nuovi speleologi

Silvia Sono lieta di annunciare al mondo
la nascita di nuovi 7 speleologi !
Al termine di un rito a tratti quasi commovente
abbiamo abbandonato finalmente lo status di CORSISTI
per diventare a tutti gli effetti speleologi.
Certo i nostri cari istruttori non potevano scegliere
cornice migliore della magnifica Ispinigoli
per sancire il nostro ingresso ufficiale nel mondo delle grotte .
Questa è stata infatti la nostra prima vera grotta
come ci era stato annunciato e come effettivamente è stato..
le nostre prime discese veramente abissali..
il nostro primo tuffo nel fango…
il nostro primo pendolo adrenalinico …
la prima volta che almeno personalmente
ho visto un cielo notturno pieno di stelle
a 70 m di profondità
(…e non avevo ancora bevuto nulla…)…


Colgo l’occasione per ringraziare tutti
istruttori e aiuto per il modo magnifico
in cui ci hanno seguito..

grazie alla loro sicurezza
e preparazione hanno evitato sicuramente
qualche scena di panico( in particolare da parte mia ).
L’unico veramente cattivo è stato qualcuno di voi…
non mi piace fare nomi…
che mi ha fatto affrontare la discesa facendomi credere
che alla fine ci fosse il salto del nodo ..
questa è stata una vera cattiveria…
certo la prospettiva mi ha fatto sembrare
una passeggiata tutto il resto…però…

Gianluca

è stata una bella esperienza,divertente
…come pensavo che fosse…eh eh
La grotta è stata impegnativa,
una carica esplosiva a livelli abnormi di adrenalina pura..
un complimento agli istruttori anche se
mi permetto una piccola critica…se posso …
qualcuno dovrebbe limitare l’alcool e cibo e anche sfiati…
ma tutto sommato professionali..

naturalmente i migliori siamo stati noi corsisti ..baroniesi..
Un piccolo reclamo dove sono le FAMOSE VERGINI!!!!!

Damiano


Mi sono divertito,

ho avuto un po’ paura però sono stato molto bene!!!

Vincenzo

La grotta di oggi..solo una parola stupenda unica .
I corsisti tutti bravi ragazzi persone ok!!

Volevo dire a Daniele che è stato un grande
per il semplice fatto di avermi seguito in questa avventura…

Per il corso mi dispiace perche avrei voluto
essere più presente.
Per gli istruttori tutti in gamba .

Avrei voluto però sentirmi un po’ più le loro mani addosso..

Ringrazio in particolare Gianfranco
per aver acceso in me un fuoco…
quello della speleologia. TVTTTB CSAD

Daniele


La grotta è stata impegnativa e difficile
perché era la prima volta che provavo
alcune delle tecniche usate.

Complimenti agli istruttori che
hanno fatto bene il loro lavoro.
Non mi sono pentito

Manuel

Come ce l’avevano raccontata
tranne il punto in cui c’era Graziano
che non era per niente facile..mi so caccau.

Prospero

E’ stata la grotta più bella che ho visto ..
c’era tutto .. anche se è stata più facile di quello che pensavo ..
Bella esperienza ben organizzata bravi noi per primi.
Gruppo compatto e motivato.

Penultima a “Su Guano”

Domenica 20 ottobre, la penultima uscita del Corso Speleo 2008,
ci ha visto protagonisti alla grotta di “Su Guano”,
cosiddetta perché gli ambienti sono popolati
da una miriade di pipistrelli e uccelli,
che copiosamente, espletano
le loro funzioni corporali all’interno delle cavità.


L’appuntamento è alla solita ora
nella solita sede C.S.A.D.,
tra i corsisti mancano all’appello Vincenzo,
Damiano, Maggie e Daniele…mentre Manuel
ci raggiunge…negli spogliatoi
(parcheggio delle macchine in prossimità della grotta!),
quando oramai lo davamo per disperso!

Non mancano gli ospiti di eccezione,
tale Paolo Salimbeni…in pratica ci siamo portati
una enciclopedia di speleologia in grotta!!
Attrezzate le calate, si offre per prima
volontaria tra i corsisti, la nostra Silvia,


seguono a ruota gli altri finchè non arriva
il mio turno e subito…
mi accingo a superare il primo salto,
tutto bene, a parte il fatto che ancora devo imparare
a piantare bene i piedi e arretrare il corpo…
ma è una questione di pratica.
Dopo aver affrontato la prima calata con frazionamento,
si passa a un tratto con un corrimano,
poi si arriva al secondo salto, un mezzo traverso in appoggio…
non male, ora ci troviamo in corrispondenza
del secondo ingresso della grotta.

Il terzo salto è piccolo, sui 4 metri,
completamente appoggiato…,
si arriva a una sorta di strettoia …larga…


a questo punto manca l’ultimo salto…5-6 metri
e si arriva a pochissimi metri da una spiaggetta
formatasi dalle “secche” del fiume Cedrino.
La spiaggetta diventa il nostro punto di ristoro..
come sempre pranzo al sacco…immancabile anche il vino.
Ci aspetta la risalita e devo dire che
non è stato poi così impegnativa,
solo Silvia ha un problema con il salto del nodo presto risolto.
La grotta di per se non è stata proprio delle migliori
che ho finora visitato…insomma …unu guanu!!
Una volta risaliti, ritorno in sede CSAD e birra di rito.

Conclusioni: bella giornata…
peccato per gli assenti che non hanno avuto modo
di provare le calate propedeutiche a Ispinigoli,
voto 10 a Salimbeni che sa sempre conquistarti
con la sua calma e le sue spiegazioni sempre esaustive,
voto 10 a Silvia che nonostante tutto
non ha mollato ed è risalita nonostante
il problema al salto del nodo,

voto 9 alla compagnia…eh si…
mancavano gli assenti…bravi gli istruttori e aiuti…
se la sono cavata anche stavolta!!;-)

Salute a tottus

Prospero