Una domenica di passione

Ciao Mac,

visto che ci avviciniamo alla Pasqua questa per me è stata una DOMENICA DI PASSIONE !!!

Non quella purtroppo a cui stai pensando ma vera passione tipo ascesa al colle con la croce sulla schiena.

Dopo tanta indecisione , visto che , non so perchè, le nuove leve non si sono fidate a venire in grotta con me , ho dovuto accodarmi ai seguaci di Giannicola.

Il folto gruppo composto dalla qui presente Fiammetta ovviamente con il mio fido compagno Tato , Pietro, Marco , Gianfranco Canu , Luca, Stefania, Giannicola e alcuni suoi fedeli amici ci siamo cimentati nella III TAPPA del SELVAGGIO BLU .

Nonostante la brutta giornata puntuali ci siamo ritrovati a Dorgali e siamo arrivati al parcheggio di Baunei intorno alle dieci.

E’ iniziato così il nostro lungo cammino : scesi lungo la codula che arriva sino al fiordo di Porto Quao abbiamo lì intercettato il sentiero del famoso trekking.

Mi chiedo cosa ci sia di così tanto selvaggio in una carrareccia facilmente percorribile segnata ogni mezzo metro da un bollino blu . Bollini blu sulle pietre, sugli alberi …sembrava una strage di puffi.

A questo punto a che servono le guide o a che serve documentarsi, prepararsi e avere le effettive capacità per attraversare il nostro territorio se qui un qualsiasi escursionista della domenica avrebbe potuto , senza carta o alcuna strumentazione , seguire i pallini blu.

Scusa la vena polemica ma sai che a Fiammetta piace  solo la VERA avventura !!!

Fatto sta che con il generale Giannicola, evidentemente scocciato dalla presenza mia e di Stefania che , da brave donne , abbiamo allietato la incessante marcia con un pò di chiacchere e lamentele, abbiamo percorso , o sarebbe meglio dire CORSO , circa 14 km. risalendo tre promontori e inerpicandoci per un dislivello di ca 650 mt.

Il panorama quando si arriva sulla costa , nonostante la foschia , è come sempre mozza fiato. Il lavoro del forte vento e della violenta acqua si riflette negli artistici intrecci dei numerosi ginepri che incrociamo nel nostro cammino.

Solo una piccola pausa per mangiare e poi di nuovo in marcia.

Tato è sorprendente, è davanti a tutti noi e neanche i taglienti campi solcati lo fermano.

Alle cinque e mezza siamo alle macchine e ci ristoriamo con un buon thè caldo e un bel bicchiere di vino.

Per me la vera avventura inizia adesso : riuscire a far risalire la mia macchina per quella ripida strada ghiaiosa è stata veramente un impresa . Prima che si facciano commenti c’era Marco al volante !! Dopo spinte, slittamenti , gomma bucata ( cambio gomme con dieci uomini dedicati è durato circa quaranta minuti ; altro che Formula Uno) siamo riusciti a tornare a casa.

Sai cosa ti dico caro Mac Zorvin : GROTTA TUTTA LA VITA !!!!!!

Mi manchi Mac,

alla prosima avventura !!!!

Carla Fiammetta

ImageImageImageImageImageImageImageImageImageImageImageImageImageImageImage

Lettera ad un amico

Ciao Mac Zorvin,

finalmente mi decido a scrivere due righe nel blog.

Da quando sei partito l’abbiamo trascurato un po’ ed è un vero peccato.

Questo non vuol dire che il gruppo sia fermo .

Siamo riusciti, dopo tanto faticoso lavoro, a rendere agibile la nuova sede.

E’ venuta proprio carina ma aspetta ancora una degna inaugurazione !

Abbiamo fatto anche delle belle uscite, sia in esterna che in grotta.

A sostituirti degnamente è il prode Prospero, alle prese queste settimane con l’esame per diventare istruttore. Con lui io, Marco e l’irrefrenabile Pietrino ci siamo cimentati nella ferrata del Cabirol ad Alghero. Per me e Marco era la prima ferrata ; lo scenario è spettacolare e le altezze….da brivido.

Abbiamo fatto anche un po’ di allenamento nella discesa in corda doppia nella Codula di Monte Omene .

Grazie al ritorno di fiamma dell’ormai coniugato Giannicola Carrone con un gruppo di numerosi e baldi giovani abbiamo percorso la cengia de S’Istrada Longa. Che faticaccia. Lo sai che io non amo tanto i lunghi trekking ……e questo era lunghissimo. Lo spettacolo di quelle pareti vertiginose , degli immensi canyon e della millenaria vegetazione che abbiamo trovato lungo il nostro cammino è stato veramente un’ottima ricompensa.

Marcello ci ha accompagnati a visitare un paio di grotte qui in zona e lo sai, andare in grotta con lui riserva sempre delle splendide sorprese !

Con Marilina, Prospero, Marco e Pietro siamo andati anche a visitare la meravigliosa Murgulavò, nel territorio di Baunei.

Un concentrato di concrezioni, mai viste così varie e numerose in un unica grotta.

Abbiamo anche continuato l’esplorazione del nostro pozzo Tamala : ancora niente di nuovo ma buone prospettive in vista.

Professor Luciano ha dato poi lezioni di armo a Prospero portandoci prima al profumatissimo pozzo di Riu Ghiroe e poi a Su Bentu. Ottima la prova del nostro futuro istruttore!!

Domenica scorsa, un po’ impigriti dalla fredda domenica siamo andati invece nella grotta di Tiscali rimanendo sorpresi della grandezza del salone che si trova nella parte fossile.

Insomma Mac, cerchiamo sempre di organizzare qualcosa per il bene del gruppo ma sopratutto per il nostro piacere di stare insieme in questi ambienti che tanto ci affascinano.

La tua mancanza comunque si sente e lo sai , ti nominiamo spesso : “su biadu ‘e Zorvinu….”

Ti prometto che sarò più solerte le prossime settimane nel raccontarti le nostre uscite.

Alla prossima Mac.

CarlaCABIROL grotta dei cristalli 007 grotta dei cristalli 027 grotta dei cristalli 036 grotta dei cristalli 086 MONTE OMENE 002 MONTE OMENE 021 MONTE OMENE 024 pozzo depuratore gonone 004 pozzo depuratore gonone 005 pozzo depuratore gonone 025 pozzo depuratore gonone 034 S'ISTRADA LONGA  13GENNAIO13 045